26 Lug 2021

L’autodistruzione dell’Occidente

Di |2021-09-17T15:03:24+01:0026 Luglio 2021|Categorie: Commenti e opinioni, Cultura|Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , |1 Commento

Capozzi ha prodotto un altro libro essenziale per comprendere il nostro tempo. Bisogna infatti imparare a riconoscere con esattezza le macro-dinamiche in atto; e con esse il nemico cui opporsi, le sue ambizioni e strategie.

20 Mag 2021

Destra conservatrice o progressista? [VL 6]

Di |2021-05-18T11:35:47+01:0020 Maggio 2021|Categorie: |Tag: , , , , , , , , , , |0 Commenti

Secondo alcuni autori il conservatorismo sarebbe uno svantaggio essenziale per la Destra: la renderebbe incapace di offrire una visione di futuro improntata al progresso. La Destra deve scoprirsi "progressista" o almeno "prometeica"? Ne dibattono in diretta lo storico Eugenio Capozzi e il giornalista Adriano Scianca.

7 Mag 2021

Una Destra prometeica per vincere la battaglia delle idee

Di |2021-05-07T14:13:40+01:007 Maggio 2021|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

La Destra dovrà raccogliere la sfida prometeica e faustiana al futuro, confrontandosi con le incognite e le opportunità del progresso: ciò che dovrà fare è riempirlo dei suoi contenuti di segno opposto al nichilismo della Sinistra, che tutto livella ed omologa.

12 Dic 2020

Politicamente corretto. Conoscere e combattere il pensiero unico

Di |2020-12-12T12:32:38+01:0012 Dicembre 2020|Categorie: Vlog|Tag: , , , , , , |0 Commenti

La cappa ideologica del “politicamente corretto” si fa sempre più opprimente. Di giorno in giorno, si fanno più limitate le cose che possiamo pensare o esprimere, mentre attraverso la neolingua avanza un’agenda “progressista” di ingegneria sociale. Da dove viene questo fenomeno? Come si può contrastarlo?

11 Dic 2020

Politicamente corretto. Conoscere e combattere il pensiero unico

Di |2020-12-09T12:28:11+01:0011 Dicembre 2020|Categorie: |Tag: , , , , , , , , , |0 Commenti

La cappa ideologica del "politicamente corretto" si fa sempre più opprimente. Di giorno in giorno, si fanno più limitate le cose che possiamo pensare o esprimere, mentre attraverso la neolingua avanza un'agenda "progressista" di ingegneria sociale. Da dove viene questo fenomeno? Come si può contrastarlo?

2 Dic 2020

Gli “antirazzisti” e la reinvenzione del linguaggio

Di |2020-12-02T11:24:50+01:002 Dicembre 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

L’affermarsi progressivo di significati progressisti corroborati dall’imprimatur della legittimazione accademica e politica ha collocato i difensori dei vecchi significati in un vicolo cieco dal quale non sembra esserci via d’uscita.

28 Ott 2020

Il liberalismo sconfitto e il marxismo culturale trionfante: commento alla tesi di Yoram Hazony

Di |2020-10-28T10:18:01+01:0028 Ottobre 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , , |0 Commenti

In un recente articolo su "Quillette", Yoram Hazony si dedica al tema del ritorno in auge del marxismo negli Stati Uniti e della sua pericolosità in ambito politico. Lungi dall’essere sconfitto, secondo Hazony il marxismo sarebbe ritornato tra noi sotto forma diversa da quella classica

23 Ott 2020

Perché la Critical Race Theory è pericolosa (e Trump la vuole messa al bando)

Di |2020-10-23T15:43:52+01:0023 Ottobre 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , , |1 Commento

La CRT, per la quale uno Stato creato da bianchi sarebbe incompatibile col benessere dei neri e viceversa, mina alle fondamenta le basi della società statunitense, nelle cui matrici liberali e anglosassoni una parte cospicua di cittadini statunitensi non si riconosce più.

11 Set 2020

Chiara Ferragni è solo l’ultima recluta della guerra culturale

Di |2020-09-11T15:03:19+01:0011 Settembre 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , |1 Commento

La svolta politica di Chiara Ferragni è un segno chiaro, ovviamente meditatissimo e costruito, rivelatore di un pensiero che inizia a dominare anche in Italia: il disimpegno politico non paga più. È il momento di capitalizzare sul suo opposto radicale. La storia di Taylor Swift insegna.

Torna in cima