22 Lug 2020

Perché il Ddl Omofobia deve farvi paura

Di |2020-07-22T15:03:13+01:0022 Luglio 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , |1 Commento

In questo contesto storico-politico, la pdl Boldrini-Zan è un tentativo di imporre una determinata visione ideologica “a colpi di manette”; gli estensori si limitano a evocare un generico divieto di “atti di discriminazione”, consegnando così di fatto alla magistratura il delicato compito di determinare cosa sia una discriminazione

18 Giu 2020

L’estremismo gender che divora i suoi adepti: il caso di Amanda Knox

Di |2020-06-17T10:11:00+01:0018 Giugno 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , |0 Commenti

Proprio mentre in Italia ferve il dibattito sul ddl omofobia, al di là dell’oceano un incredibile episodio ha creato scompiglio nella comunità lgbt canadese. La vicenda personale di Amanda Jetté Knox è emblematica di quanto i più acerrimi nemici di omosessuali e transgender siano gli stessi attivisti lgbt

25 Mag 2020

Neolingua gender: l’ONU mette al bando “marito” e “moglie”

Di |2020-05-25T08:33:43+01:0025 Maggio 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |3 Commenti

Siete abituati a parole di uso molto comune come “moglie”, “marito”, “fidanzato”, “fidanzata” o “poliziotto”? Male, molto male. A bacchettare questa vostra obsoleta e solo apparentemente innocua abitudine è nientemeno che l’ONU. Sì, perché il linguaggio che quasi inconsapevolmente ponete in essere, ancorché vetusto, è in primo luogo discriminatorio

20 Gen 2020

Pronomi gender obbligatori per i tassisti di New York | L.FORMICOLA

Di |2020-05-13T15:29:55+01:0020 Gennaio 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , , , |1 Commento

L'Ufficio Inclusione della Taxi & Limousine Commission della città di New York ha chiesto ai tassisti di informarsi sul pronome preferito dei clienti, e, nel caso questi non lo avessero, di adottarne uno neutro. L'iniziativa nasce allo scopo di sottomettere indiscriminatamente i tassisti all'ideologia transgender.

15 Lug 2019

CAPOZZI: Da Lambert a Bibbiano, lo Stato arbitro della vita

Di |2020-04-14T22:39:48+01:0015 Luglio 2019|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , , |0 Commenti

Che cosa unisce la camera dell'ospedale di Reims alla rete di psicologi, assistenti sociali e uffici comunali che a Bibbiano e in altre parti dell'Emilia avrebbe strappato illecitamente tanti minori alle proprie famiglie per darli in affido a persone inserite in un giro comune di rapporti personali e politici?

Torna in cima