Chiara Ferragni è solo l’ultima recluta della guerra culturale

Di |2020-09-11T15:03:19+01:0011 Settembre 2020|Categorie: Commenti e opinioni|Tag: , , , , , , , , |1 Commento

La svolta politica di Chiara Ferragni è un segno chiaro, ovviamente meditatissimo e costruito, rivelatore di un pensiero che inizia a dominare anche in Italia: il disimpegno politico non paga più. È il momento di capitalizzare sul suo opposto radicale. La storia di Taylor Swift insegna.