Sotto il cielo d’Europa, al tempo del virus, accadono fatti inaspettati, quasi incredibili: Mario Draghi, il più carismatico presidente nella storia della Bce, propone, contro ogni ortodossia Ue, che gli Stati possano fare debito senza limiti perché siamo in guerra; nel Consiglio europeo si è verificata una spaccatura verticale fra gli Stati sui modi di finanziare (coronabond sì o no) i deficit di bilancio necessari per far fronte all’emergenza sanitaria; litigano le grandi istituzioni comunitarie come la Bce, dove la presidente si contraddice e i membri del board esecutivo si scontrano in pubblico con asprezza, e la Commissione, la cui ondivaga leader è criticata persino dal morbidissimo presidente dell’Europarlamento.

Non era mai successo: ora accade, perché con l’emergenza le decisioni diventano questioni di vita o di morte e saltano le mediazioni di cui ha vissuto l’Ue. Un mondo è finito: la pandemia e prima lo scontro fra gli Stati Uniti che vogliono mantenere il primato mondiale e la Cina che li sfida chiudono l’epoca dei commerci globali e delle delocalizzazioni che tengono bassi i costi di produzione.

La Ue non è attrezzata, non sa cosa fare nel mondo inedito e aspro che si delinea. Finora la sua azione si è basata su due pilastri: uno è l’export, la capacità di fare grandi avanzi commerciali, la disciplina fiscale che ne è la premessa necessaria (e che mette gli Stati con debito elevato, come Italia o Grecia, nel girone dei reietti); l’altro è il ricorso alla sicurezza fornita a basso costo dagli Stati Uniti ricambiata per lo più con esercizi di retorica. Oggi l’export è difficile, la disciplina fiscale non regge di fronte all’emergenza, il debito – demonizzato fino a schiantare la Grecia e a bloccare l’Italia a un livello zero di crescita – diventa indispensabile, gli americani non vogliono più dare sicurezza senza contropartite ad alleati infidi che favoriscono il rivale strategico.

LEGGI ANCHE  Quale strategia per sostenere il sistema bancario italiano?

La Germania è l’epicentro della crisi: per vent’anni – dopo le riforme del cancelliere Schroeder che a inizio secolo ne ha rimesso in piedi l’economia – ha dominato la Ue grazie alla potenza della sua industria e a un’ideologia mercantilista divenuta pensiero ufficiale dell’eurozona. Ora l’industria, specie l’auto che ne è il cuore, perde mercati e forza, il sistema politico è smarrito nel declino di Merkel e soprattutto manca una visione, accettabile da tutto il continente, che sostituisca l’idea ormai inservibile del surplus commerciale a tutti i costi. La Germania nella sua storia ha quasi sempre tenuto fissa la sua rotta – fino al baratro. Oggi è immobile e frastornata: gli Stati mediterranei, che finora – in mancanza di meglio e con seri danni – l’hanno seguita, cambiano strada; la Francia di Macron, con il solito mix di opportunismo e ambizione, ne approfitta per logorare il suo primato sperando di succederle; Stati clienti (Slovenia, Slovacchia) e amici (Irlanda) mutano campo e si delinea un fronte cattolico (e ortodosso) contrapposto a uno protestante.

Fare debito è inevitabile per finanziare la ricostruzione e ciò è già una sconfitta – ideologica, ma anche pratica – per la Germania: i modi vanno inventati, ma idee importanti sono in campo – da Tremonti che propone un’emissione straordinaria per la “difesa e ricostruzione nazionale” a Munchau che immagina una coalizione di volonterosi (i nove Stati che hanno sostenuto i coronabond) per lanciare un titolo di debito congiunto. La Ue perde il suo centro di gravità e le fratture diventano più profonde: è un processo inarrestabile finché non si avrà il coraggio di affrontare il nodo strategico: nello scontro oggi fondamentale e destinato a una lunga durata, l’Europa sta con gli Stati Uniti o con la Cina?

LEGGI ANCHE  Con le task force si esternalizza la democrazia

Antonio Pilati è stato componente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e consigliere d’amministrazione Rai ed è autore di numerosi saggi sui media e sulle relazioni internazionali.