di Martin Kulldorff e Jayanta Bhattacharya

(Traduzione da: Brownstone Institute)

Il 4 ottobre 2020, con la Prof.ssa Sunetra Gupta dell’Università di Oxford abbiamo scritto la Dichiarazione di Great Barrington (GBD). Lo scopo era quello di esprimere le nostre gravi preoccupazioni per l’inadeguata protezione dei vulnerabili e i danni devastanti derivanti dalla politica pandemica del lockdown adottata da gran parte del mondo. Abbiamo proposto una strategia alternativa di protezione mirata.

Il fatto scientifico chiave su cui si basava la GBD – un rischio di morte più che mille volte superiore per gli anziani rispetto ai giovani – significava che una migliore protezione degli anziani avrebbe minimizzato le morti per COVID. Allo stesso tempo, l’apertura delle scuole e la revoca delle chiusure avrebbero ridotto il danno collaterale al resto della popolazione.

La Dichiarazione ha ricevuto un enorme sostegno, attirando alla fine le firme di oltre 50.000 scienziati e professionisti medici e di oltre 800.000 membri del pubblico. La nostra speranza nello scrivere era duplice. In primo luogo, volevamo aiutare il pubblico a capire che, contrariamente alla narrativa prevalente, non c’era alcun consenso scientifico a favore del lockdown. In questo, abbiamo avuto successo.

In secondo luogo, volevamo stimolare una discussione tra gli scienziati della salute pubblica su come proteggere meglio i vulnerabili, sia quelli che vivono nelle case di cura (dove si è verificato circa il 40% di tutte le morti per COVID) sia quelli che vivono nella comunità. Abbiamo fornito proposte specifiche per una protezione mirata nella GBD e nei documenti di supporto, per stimolare la discussione. Anche se alcuni nella sanità pubblica si sono impegnati civilmente in discussioni produttive con noi, in questo obiettivo abbiamo avuto un successo limitato.

A nostra insaputa, l’appello per una strategia pandemica più mirata aveva posto un problema politico al dottor Francis Collins e al dottor Anthony Fauci. Il primo è un genetista che, fino alla settimana scorsa, era il direttore del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti; il secondo è un immunologo che dirige il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID). Sono i più grandi finanziatori di ricerca medica e sulle malattie infettive del mondo.

Collins e Fauci hanno giocato ruoli critici nel progettare e sostenere la strategia del lockdown pandemico adottata dagli Stati Uniti e da molti altri Paesi. In e-mail scritte quattro giorni dopo la Dichiarazione di Great Barrington, pubblicate recentemente dopo una richiesta FOIA [accesso a documenti pubblici classificati, ndr], viene rivelato come i due abbiano cospirato per minare la Dichiarazione. Piuttosto che impegnarsi in un discorso scientifico, autorizzarono “una rapida e devastante umiliazione pubblica” di questa proposta, che caratterizzavano come proveniente da “tre epidemiologi marginali” di Harvard, Oxford e Stanford.

A loro si unì un collega stretto, il dottor Jeremy Farrar, il capo del Wellcome Trust, uno dei più grandi finanziatori non governativi nel mondo della ricerca medica. Ha lavorato con Dominic Cummings, lo stratega politico del primo ministro britannico Boris Johnson. Insieme, hanno orchestrato “un’aggressiva campagna di stampa contro i promotori della Dichiarazione di Great Barrington e gli altri che si oppongono alle restrizioni generali dettate dalla COVID-19”.

Ignorando l’appello per una protezione mirata dei vulnerabili, Collins e Fauci hanno volutamente descritto in modo errato la GBD come una strategia “lasciar correre” (let-it-rip), di “immunità di gregge”, anche se la protezione mirata è proprio l’opposto di una strategia “lasciar correre”. È più appropriato chiamare la strategia di lockdown che è stata seguita una strategia “let-it-rip“. Senza una protezione mirata, ogni gruppo di età sarà alla fine esposto in uguale proporzione, anche se ad un ritmo “let-it-drip” (“lasciar gocciolare”) prolungato rispetto ad una strategia d’inazione.

Quando i giornalisti iniziarono a chiederci perché volessimo “far correre il virus”, siamo rimasti perplessi. Quelle parole non sono nella GBD e sono contrarie all’idea centrale della protezione mirata. Non è chiaro se Collins e Fauci abbiano mai letto la GBD, se l’abbiano deliberatamente travisata, o se la loro comprensione dell’epidemiologia e della salute pubblica sia più limitata di quanto pensassimo. In ogni caso, era una bugia.

Ci lasciò perplessi anche l’errata caratterizzazione della GBD come “strategia dell’immunità di gregge”. L’immunità di gregge è un fenomeno scientificamente provato, fondamentale nell’epidemiologia delle malattie infettive come la gravità lo è in fisica. Ogni strategia COVID porta all’immunità di gregge e la pandemia finisce quando un numero sufficiente di persone ha l’immunità, attraverso la guarigione o un vaccino. Ha senso affermare che un epidemiologo stia sostenendo una “strategia di immunità di gregge” quanto lo ha affermare che un pilota stia sostenendo una “strategia di gravità” nel far atterrare l’aereo. La questione è come far atterrare l’aereo in sicurezza e, qualunque strategia il pilota usi, la gravità assicura che l’aereo alla fine tornerà sulla terra.

L’obiettivo fondamentale della GBD è quello di superare questa terribile pandemia con il minor danno possibile per la salute pubblica. La salute, naturalmente, è più ampia della sola COVID. Qualsiasi valutazione ragionevole dei lockdown dovrebbe considerare il danno collaterale ai pazienti con cancro, malattie cardiovascolari, diabete, altre malattie infettive, così come la salute mentale e molto altro. Sulla base di principi consolidati di salute pubblica, la GBD e la protezione mirata della popolazione ad alto rischio sono una via di mezzo tra i lockdown devastanti e una strategia del “lasciar correre” senza fare nulla.

Collins e Fauci, sorprendentemente, affermarono che una protezione mirata dei vecchi è impossibile senza un vaccino. Gli scienziati hanno le loro specializzazioni, ma non tutti gli scienziati hanno una profonda esperienza nel campo della salute pubblica. L’approccio naturale sarebbe stato quello di impegnarsi con epidemiologi e scienziati della salute pubblica, per i quali è il pane quotidiano. Se lo avessero fatto, Collins e Fauci avrebbero imparato che la salute pubblica è fondamentalmente una protezione mirata.

È impossibile chiudere completamente la società. Le chiusure hanno protetto i giovani professionisti benestanti e a basso rischio, come dirigenti, scienziati, professori, giornalisti e avvocati, mentre i membri più anziani e ad alto rischio della classe operaia sono stati esposti e sono morti in numeri necessariamente alti. Questa incapacità di capire che le chiusure non potevano proteggere i vulnerabili ha portato al tragicamente alto numero di morti di COVID.

Non sappiamo perché Collins e Fauci abbiano deciso di tentare una “umiliazione” piuttosto che usare le loro stimate posizioni per costruire e promuovere vigorose discussioni scientifiche su questi temi critici, coinvolgendo scienziati con diverse competenze e prospettive.  Parte della risposta potrebbe trovarsi in un altro enigma: la loro cecità verso gli effetti devastanti dei lockdown e altri risultati di salute pubblica.

I danni del lockdown hanno colpito tutti, con un carico extra-pesante su: malati cronici; bambini, per i quali le scuole sono state chiuse; classe operaia, specialmente quella nei centri densamente popolati; e poveri del mondo, con decine di milioni di persone che soffrono di malnutrizione e fame. Per esempio, Fauci è stato uno dei principali sostenitori della chiusura delle scuole. Ciò è ora ampiamente riconosciuto come un enorme errore che ha danneggiato i bambini senza influenzare la diffusione della malattia. Nei prossimi anni, dobbiamo lavorare alacremente per invertire il danno causato dalla nostra strategia pandemica sbagliata.

Mentre decine di migliaia di scienziati e professionisti medici hanno firmato la Dichiarazione di Great Barrington, perché non hanno parlato di più nei media? Alcuni lo hanno fatto, altri ci hanno provato ma hanno fallito, mentre altri sono stati molto cauti nel farlo.

Quando abbiamo scritto la Dichiarazione, sapevamo di mettere a repentaglio le nostre carriere professionali, così come la capacità di provvedere alle nostre famiglie.  Questa è stata una decisione consapevole da parte nostra, e siamo pienamente solidali con le persone che invece hanno deciso di concentrarsi sul mantenimento dei loro importanti laboratori e attività di ricerca.

Gli scienziati esiteranno, naturalmente, prima di mettersi in una situazione in cui il direttore del NIH, con un bilancio annuale per la ricerca scientifica di 42,9 miliardi di dollari, vuole farli fuori. Potrebbe anche essere poco saggio far arrabbiare il direttore del NIAID, con un bilancio annuale di 6,1 miliardi di dollari per la ricerca sulle malattie infettive, o il direttore del Wellcome Trust, con un bilancio annuale di 1,5 miliardi di dollari. Seduti in cima a potenti agenzie di finanziamento, Collins, Fauci e Farrar incanalano dollari per quasi tutti gli epidemiologi di malattie infettive, immunologi e virologi degni di nota negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Collins, Fauci e Farrar hanno ottenuto la strategia pandemica che chiedevano e sono ora responsabili dei risultati, insieme agli altri sostenitori del lockdown. La GBD era ed è scomoda per loro perché è la prova evidente di come fosse disponibile un’alternativa migliore e meno letale.

Ad oggi sono più di 800.000 i morti per COVID negli Stati Uniti, cui vanno aggiunti i danni collaterali. La Svezia e altri Paesi scandinavi – meno concentrati sulle chiusure e più concentrati sulla protezione degli anziani – hanno avuto meno morti per COVID in rapporto alla popolazione rispetto a Stati Uniti, Regno Unito e la maggior parte degli altri Paesi europei. La Florida, che ha evitato gran parte dei danni collaterali del lockdown, è attualmente al 22° posto negli Stati Uniti per mortalità COVID aggiustata per età.

Nella medicina accademica, ottenere una sovvenzione dal NIH decide le sorti di una carriera, quindi gli scienziati hanno un forte incentivo a stare dalla parte “giusta” delle priorità di NIH e NIAID. Se vogliamo che gli scienziati parlino liberamente in futuro, dovremmo evitare di avere le stesse persone responsabili della politica di salute pubblica e del finanziamento della ricerca medica.

Martin Kulldorff

Direttore scientifico senior al Brownstone Institute, è stato professore alla Harvard Medical School. Sviluppatore dei programmi Free SaTScan, TreeScan, e RSequential.

Jayanta Bhattacharya

Professore di Medicina all'Università di Stanford, USA, è Senior Scholar del Brownstone Institute e ricercatore di National Bureau of Economics Research, Stanford Institute for Economic Policy Research e Stanford Freeman Spogli Institute.