Daniele Scalea, presidente del Centro Studi Machiavelli, è intervenuto al microfono di Radio Radio per commentare alcuni fatti di censura politica, legati alle dimissioni di Marcello De Angelis da portavoce della Regione Lazio e alle polemiche per un convegno su Evola in Valle d’Aosta. Interpellato dal conduttore Francesco Borgonovo, il presidente Scalea ha dichiarato che la Sinistra continua a strumentalizzare norme antifasciste, ormai desuete, al fine di affermare la sua visione totalitaria e intollerante.

Fondatore e Presidente del Centro Studi Machiavelli. Laureato in Scienze storiche (Università degli Studi di Milano) e Dottore di ricerca in Studi politici (Università Sapienza), è docente di "Storia e dottrina del jihadismo" presso l'Università Marconi e di "Geopolitica del Medio Oriente" presso l'Università Cusano, dove in passato ha insegnato anche in merito all'estremismo islamico.

Dal 2018 al 2019 è stato Consigliere speciale su immigrazione e terrorismo del Sottosegretario agli Affari Esteri Guglielmo Picchi; successivamente ha svolto il ruolo di capo della segreteria tecnica del Presidente della Delegazione parlamentare presso l'InCE (Iniziativa Centro-Europea).

Autore di vari libri, tra cui Immigrazione: le ragioni dei populisti, che è stato tradotto anche in ungherese.