di Società di Professori Batthyány

La Società di Professori “Batthyány” è profondamente preoccupata per l’imporsi in Europa di dottrine e aspettative che sono fondamentalmente opposte ai tradizionali valori conservatori e borghesi.

Siamo particolarmente preoccupati che i princìpi neoliberali e neomarxisti stiano diventando sempre più forti e palesi nei circoli politici ungheresi di sinistra e nei media che si definiscono “indipendenti”, così come nelle ONG che sostengono tali ambienti.

Non crediamo che la nazione sia un costrutto storico superato che possa e debba  essere sostituito da una comunità sovranazionale di Stati. Una simile idea, per lo più motivata economicamente e politicamente, dimentica che le persone non possono identificarsi con organizzazioni politiche sovranazionali, semplicemente perché appartengono invece alle rispettive nazioni.

Esprimiamo anche il nostro sgomento di fronte ai movimenti che vorrebbero valorizzare la dimensione “sociale” del sesso, il genere, svalutando il sesso di nascita. È naturale essere tolleranti verso le persone che seguono modelli di ruolo sessuale alternativi, ma troviamo inaccettabile la prassi dei gruppi politici e specialmente LGBTQ di promuovere e pubblicizzare la “modernità” e il “progresso” di omosessualità, identità transgender o altri orientamenti sessuali ai bambini.

Più volte siamo rimasti inorriditi dagli atteggiamenti anticlericali e persino antireligiosi delle organizzazioni politiche di sinistra, neomarxiste, “verdi” et similia. Non capiamo perché pensino che la religione sia una cosa del passato.

LEGGI ANCHE  REPORT | Ong e trasparenza

Consideriamo estremamente ipocrita voler negare la cittadinanza ai connazionali che vivono all’estero, adducendo considerazioni economiche e politiche, e criticare il sostegno che il nostro Paese dà loro.

La Società di Professori “Batthyány” protesta contro chiunque metta in dubbio o minacci i valori tradizionali della nazione, del cristianesimo e della famiglia. Crediamo che questi valori siano un patrimonio per il futuro, indipendentemente da chi oggi detiene il potere. Pertanto, è nostro diritto e dovere difendere la libertà individuale, l’identità comunitaria, la cultura cristiana e l’unità nazionale con tutti i mezzi disponibili.

(Fonte: “Ungarnreal” tramite European Media Cooperation)

Associazione ungherese che riunisce gli accademici che credono nei valori tradizionali europei. È sostenuta dalla Fondazione Lajos Batthyány, creata nel 1991 dal primo ministro József Antall e intitolata al primo capo di governo dell'Ungheria moderna.