di Bianca Laura Stan

L’attuale ordine geopolitico, i progressi tecnologici e l’importanza di mantenere vantaggi competitivi favoriscono l’aumento dell’attività di spionaggio economico in futuro. Se gli Stati Uniti sono pronti a rimanere il Paese più potente, il loro vantaggio sui rivali è diminuito negli ultimi 30 anni. Washington deve affrontare molteplici sfide, mentre il sistema politico internazionale passa da unipolare a multipolare. Un mondo multipolare significa più concorrenza tra pari e che la raccolta di informazioni sarà uno strumento chiave per mantenere i vantaggi. L’attività di spionaggio passata e attuale di Cina e Russia è destinata a continuare.

Mentre la Cina sta cercando di mettersi al passo con gli Stati Uniti e altri attori su una serie di fronti tecnologici, farmaceutici e agricoli, l’industria dei semiconduttori è un buon esempio di come potrebbero andare le cose. La Cina è il maggior consumatore di prodotti a semiconduttori, come microprocessori e chip di memoria, acquistando fino al 60% dell’offerta mondiale, la maggior parte della quale viene poi esportata sotto forma di dispositivi elettronici. Ma la Cina dipende fortemente dai produttori stranieri per i suoi input di semiconduttori, dovendo acquistarne circa il 70% da Paesi come Stati Uniti, Corea del Sud, Giappone e Taiwan. Sebbene l’industria cinese dei semiconduttori sia cresciuta rapidamente negli ultimi anni, grazie a miliardi di dollari di investimenti, è ancora in ritardo rispetto ai Paesi sopra elencati.

catena del valore dei semiconduttori

La catena del valore dei semiconduttori per tipo di compagnia

La domanda di semiconduttori è destinata ad aumentare nei prossimi anni, poiché sempre più prodotti si affidano al monitoraggio interno e alla potenza di elaborazione. Ad esempio, l’espansione dei dispositivi con connessione Internet significa che sensori e microprocessori  verranno inseriti dappertutto, dalle macchine industriali alle lampadine. L’aumento dei veicoli autonomi e il vorace appetito dell’industria automobilistica per i circuiti integrati ha già portato a carenze che hanno interrotto le linee di assemblaggio negli Stati Uniti.

La lotta della Cina per entrare nel livello più alto della catena del valore dei semiconduttori creerà vulnerabilità non solo per le aziende statunitensi, ma anche per quelle taiwanesi, giapponesi e sudcoreane negli anni a venire. Taiwan è stato un obiettivo particolarmente attraente per la raccolta di informazioni cinesi a causa della vicinanza geografica, delle somiglianze linguistiche e della grande quota di Taiwan in produzione, assemblaggio e collaudo di semiconduttori. A partire dal 2018 la Cina ha messo da parte $ 72 miliardi per raggiungere gli obiettivi del programma Made in China 2025 nel settore dei semiconduttori, parte dei quali è destinata al reclutamento di ingegneri taiwanesi. Secondo precedenti casi di spionaggio legati al reclutamento di talenti stranieri, la Cina ha offerto incentivi bonus in denaro alle reclute che portano proprietà intellettuale da società rivali.

Gli attacchi alla catena di approvvigionamento sono indicativi dell’attuale e futura attività di spionaggio economico. La crescente dipendenza dall’archiviazione digitale dei segreti commerciali, la crescente importanza del software e dei codici proprietari e la proliferazione di software standard in grado di assistere gli attori nell’ottenere l’accesso non autorizzato a reti private spingono lo spionaggio economico ulteriormente nel regno cibernetico. Come abbiamo appreso dalla compromissione di SolarWinds all’inizio del 2021 e dai precedenti attacchi alla catena di approvvigionamento, le grandi aziende che sono state nel mirino di campagne di spionaggio economico possono essere colpite attraverso attacchi indiretti a fornitori di servizi più piccoli e più oscuri. La natura degli attacchi alla catena di approvvigionamento e di altre tattiche di spionaggio informatico riduce la rilevanza della posizione geografica di un obiettivo: ciò che conta di più sono le connessioni virtuali che il bersaglio ha con l’obiettivo dell’intelligence.

Gli attuali Paesi tecnologici leader come Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e i membri dell’Unione Europea continueranno a essere gli obiettivi principali dello spionaggio. Le loro società relativamente aperte e gli ampi budget per la ricerca e lo sviluppo rendono le aziende lì basate obiettivi primari per quelle emergenti. Ma è probabile che altri Paesi vengano aggiunti all’elenco man mano che le economie si diversificano e la tecnologia prolifera. I rapidi progressi della Cina in campi come l’intelligenza artificiale, il riconoscimento facciale e la tecnologia delle batterie potrebbero rendere essa stessa un obiettivo dello spionaggio economico di Paesi che cercano di minare il dominio del mercato cinese.

Laureata in Giurisprudenza e laureanda in Psicologia, scrittrice e giornalista, collabora in Romania con “Anticipatia” e "Geopolitica.ro" e in Italia con "FuturoProssimo.it". Membro del Center for Complex Studies di Bucarest.