di Luca Marcolivio

È passato relativamente in sordina l’ennesimo “strano caso” nel ginepraio del post-pandemia. Se, poi, c’è di mezzo l’Arcigay o qualche altro soggetto a tinte arcobaleno, a maggior ragione, l’effetto detonatore è garantito. Tutto nasce a seguito di una “semplice visura camerale”, con cui la Lega ha scoperto l’identità di una delle undici società appaltatrici per la fornitura dei nuovi banchi scolastici a rotelle. Si tratta di Nexus Made srl, un’azienda con un solo dipendente, 4000 euro di capitale e sede nel medesimo stabile dell’Arcigay di Ostia. Nexus è beneficiaria di un super-appalto di 45 milioni di euro, concluso il 26 agosto per la fornitura di 180mila banchi scolastici.

Lo scandalo è emerso a seguito di un’interrogazione al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, firmata da tutto il gruppo della Lega alla Commissione Finanze della Camera, affiancato da altri compagni di partito a Montecitorio. Secondo quanto rilevato dai parlamentari leghisti, guidati dall’onorevole Claudio Borghi, la Nexus “si occupa di tutto fuorché di banchi scolastici, ossia: organizzazione di manifestazioni, eventi, mostre, fiere, congressi”. La richiesta del governo era invece per 180mila banchi, di cui 20mila da consegnare entro il 12 settembre e gli altri 160mila entro il 31 ottobre. Messa con le spalle al muro, Invitalia è stata costretta alla risoluzione del contratto: “In particolare, le verifiche effettuate sui prodotti offerti dalla Nexus made srl hanno evidenziato che i banchi, di cui si è richiesto un prototipo, non corrispondevano alle caratteristiche indicate in sede di gara”, si legge in una nota dell’ente guidato da Domenico Arcuri.

LEGGI ANCHE  La politica estera secondo la Lega (con Lorenzo Fontana)

Non è finita: come segnalato da Claudio Borghi su Twitter, il titolare dell’azienda appaltatrice, Franco Aubry, risulterebbe essere elettricista presso Sater 4 Show, un’altra società, con la stessa sede di Nexus, che fa servizi per eventi anche del Governo. Inoltre, in base al bilancio d’esercizio 2019, Nexus fattura 400mila euro ma, stando a quanto emerge dalla visura, il capitale sociale è di appena 4000 euro. Come se non bastasse, la società in questione risulta priva sia di un sito internet, sia di recapito telefonico fisso o mobile. E le altre dieci ditte appaltatrici? Invitalia si riserva di renderne noti i nomi solamente quando saranno state ultimate “le verifiche di tutti i contratti” (SIC). Sul sito www.governo.it, intanto, non c’è alcuna traccia del blocco della gara d’appalto di Nexus. Alla faccia dell’emergenza e della trasparenza.

Saggista e giornalista professionista, è accreditato alla Sala Stampa della Santa Sede dal 2011. Direttore del webmagazine di informazione religiosa "Cristiani Today", collabora con "La Nuova Bussola Quotidiana" e "Pro Vita & Famiglia". Dal 2011 al 2017 è stato caporedattore dell’edizione italiana di "Zenit".