Frutto della collaborazione tra il Centro Studi Machiavelli e Historica Edizioni, si inaugura la nuova collana libraria “Machiavellica” con l’opera Immigrazione. Le ragioni dei populisti di Daniele Scalea.

Il rifiuto dell’immigrazione di massa è ormai giunto al governo ma ancora continua, nel racconto mediatico, a essere descritto come una reazione irrazionale, “razzista” e “xenofoba”. Secondo Scalea l’allarme popolare per la crisi migratoria è invece molto razionale e si fonda su una corretta percezione delle sue conseguenze demografiche, culturali, economiche, sociali e di ordine pubblico. Al contrario è la linea d’entusiastica accoglienza ai flussi più massicci a fondarsi sull’ideologia: una riproposizione dell’utopia dell’uomo nuovo con l’immigrato al posto del proletario, strumento per distruggere l’ordine tradizionale ed erigere nuovi esperimenti di ingegneria sociale sulle ceneri degli Stati-nazione.

Immigrazione. Le ragioni dei populisti consta di 168 pagine e include una prefazione dell’On. Guglielmo Picchi, Sottosegretario agli Affari Esteri.

Per maggiori informazioni e per ordinarlo cliccare qui.

Il libro è disponibile anche su Amazon, Ebay, Feltrinelli, Hoepli, Ibs, Libreria Universitaria, Unilibro e tanti altri negozi online.

Fondatore e Presidente del Centro Studi Machiavelli. Laureato in Scienze storiche (Università degli Studi di Milano) e Dottore di ricerca in Studi politici (Università Sapienza), è docente di "Storia e dottrina del jihadismo" e "Geopolitica del Medio Oriente" all'Università Cusano. Dal 2018 al 2019 è stato Consigliere speciale su immigrazione e terrorismo del Sottosegretario agli Affari Esteri Guglielmo Picchi. Il suo ultimo libro (scritto con Stefano Graziosi) è Trump contro tutti. L'America (e l'Occidente) al bivio.