Riceviamo e pubblichiamo, in traduzione italiana, l’intervista realizzata da “Unser Mitteleuropa” al barone austriaco Norbert van Handel, imprenditore e diplomatico, consigliere di Norbert Hofer (presidente del partito FPÖ).

 

D: È stato membro dell’ÖVP (Partito Cristiano Sociale, membro del Partito Popolare Europeo) per molti anni. Perché ha lasciato quel partito e ha deciso di aderire all’FPÖ?

R: Al secondo turno delle elezioni presidenziali austriache del 2016, il candidato dell’FPÖ patriottico, Norbert Hofer, ha affrontato Alexander Van der Bellen dei Verdi. L’ÖVP decise di sostenere il candidato progressista, anche se il primo candidato era cristiano. Tale sostegno è stato quello che mi ha portato a lasciare l’ÖVP. Successivamente, nel maggio 2019, il cancelliere Sebastian Kurz ha messo fine inutilmente all’eccellente coalizione di governo dell’ÖVP e dell’FPÖ. Fu allora che decisi di unirmi all’FPÖ, con il quale ero già in contatto.

Ha uno stretto rapporto con il presidente della FPÖ, Norbert Hofer. Ha una posizione nell’FPÖ?

Sì, sono un amico personale di Norbert Hofer, che è anche membro dell’Ordine europeo di San Giorgio, diventato una grande organizzazione nell’Europa centrale e sudorientale. A mio parere, l’FPÖ ha sostanzialmente assunto i valori conservatori che l’ÖVP non ha più ed è l’unico partito nazionale, cosa molto importante per un Paese come l’Austria.
Sono stato ufficialmente nominato consigliere del presidente del Partito Federale, Norbert Hofer, che è anche il terzo presidente del Parlamento austriaco, e svolgo questa attività a titolo onorifico su sua richiesta. Per quanto riguarda l’Ordine europeo di San Giorgio, a causa della mia attività politica ho rassegnato le  dimissioni da tutti i programmi operativi, di cui si occupano ora i successori dell’Ordine. Naturalmente, sono ancora membro in qualità di cavaliere onorario.

Pensa che l’ÖVP abbia rubato il discorso anti-immigrazione dell’FPÖ e che sia possibile per esso mantenere questo discorso mentre governa in coalizione con i Verdi?

L’ÖVP ha assunto almeno in parte il ruolo dell’FPÖ, soprattutto sulla questione degli immigrati. Tuttavia, a mio parere, il governo non è in grado di affrontare correttamente la questione, né quelle di sicurezza, in modo soddisfacente per la popolazione. Questo perché una coalizione di un ex partito di centro-destra come l’ÖVP (che ora è più di centro-sinistra) con i Verdi è abbastanza innaturale e le crepe diventano automaticamente visibili. Ciò si può vedere soprattutto per quanto riguarda le questioni di sicurezza, ma naturalmente anche per tutto ciò che riguarda l’asilo.

LEGGI ANCHE  NENCIONI: Perché la Sinistra è contro la sovranità?

Dopo la sua espulsione dall’Ungheria, l’Università dell’Europa Centrale di George Soros si è stabilita a Vienna, che nel 2019 ha conferito allo speculatore la “Grande Medaglia d’Onore d’Oro” per i suoi servizi alla città. In che misura la rete di Soros influenza la politica austriaca?

Non conosco personalmente il signor Soros, ma ho sentito in molti luoghi che la sua influenza è estremamente negativa per gli Stati e le personalità con valori conservatori e un orientamento nazionale. Per quanto riguarda l’Università dell’Europa Centrale, non credo sia dannoso che si trovi a Vienna. Tutti gli istituti di istruzione superiore ampliano il panorama educativo, e questo è importante. Al momento non vedo alcuna particolare influenza della rete Soros sulla politica austriaca; per quanto riguarda l’università, invece, tale influenza può essere percepibile.

Lei ha proposto la creazione di un M7, un blocco formato dai Paesi di Visegrad, Austria, Slovenia e Croazia. Questo blocco potrebbe essere un’alternativa all’attuale modello europeo?

Lo sviluppo di M7 è importante: un’organizzazione che copra Austria, Visegrad, Slovenia, Croazia e, se possibile, regioni dell’Alta Italia. Si basa sulle precedenti, e in alcuni casi ancora esistenti, strette relazioni di questi Paesi nell’ambito dell’Austria-Ungheria. La vedo come un’organizzazione all’interno dell’UE, simile a quella che si vede in parte con i Paesi del Benelux o con gli Stati scandinavi e baltici. Tuttavia, se l’UE nella sua forma attuale dovesse disintegrarsi, l’M7 sarebbe un modello abbastanza concepibile di Stati cristiani più piccoli con secoli di storia comune.

LEGGI ANCHE  Sui mancati aiuti la colpa non è degli Olandesi, ma degli europeisti

Voi difendete l’Europa delle patrie. Crede che questa Europa possa prevalere contro il progetto federalista dell’UE e l’Agenda 2030?

L’UE sta andando nella direzione sbagliata. Tutto ciò che va nella direzione di un superstato, come l’unione finanziaria o sociale e simili, deve essere fortemente respinto. L’UE è stata concepita come un progetto di pace e un progetto economico, ma non come gli Stati Uniti d’Europa. Tutto ciò che va oltre domina i piccoli Stati cristiani in un modo indesiderato dalla popolazione, e che porterebbe automaticamente alla supremazia dei grandi Stati nell’UE. Ecco perché difendo l’idea dell’M7.

L’FPÖ appartiene al gruppo Identità e Democrazia del Parlamento europeo, ma ci sono altri partiti patriottici nel gruppo dei Conservatori e Riformisti. Conosce l’attività di questi partiti? Ritiene necessaria la collaborazione tra i partiti patriottici europei?

Penso che una più stretta collaborazione tra i partiti patriottici europei sia assolutamente necessaria. È logico che essi si distinguano su singole questioni. Ma un gruppo nazionale conservatore e patriottico nell’UE deve certamente svolgere un ruolo chiave in questioni importanti, soprattutto quando si tratta dell’indipendenza dei singoli Paesi all’interno dell’UE.

Lei è membro dell’Ordine europeo di San Giorgio; quali sono i principi di questa organizzazione e la sua appartenenza all’ordine è compatibile con l’attività politica?

L’Ordine europeo di San Giorgio è un’organizzazione dell’Europa centrale, anche se ha membri in Inghilterra e altrove. Ci battiamo per i buoni valori. Prima di tutto, il cristianesimo. In secondo luogo, il conservatorismo basato sui valori, non sulle strutture. Non vogliamo il ritorno del feudalesimo. Una difesa forte e un’economia liberale. Vogliamo che l’Europa vada avanti sulla strada giusta. L’Ordine ha assunto, soprattutto negli ultimi due anni, un ruolo più informativo che politico. Soprattutto, seguendo le tradizioni della Casa d’Asburgo, vuole svolgere un ruolo strettamente apartitico.