La riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità. Criticità per l’interesse nazionale italiano è il ventitreesimo Dossier del Machiavelli, opera di Luca Ruggeri.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL REPORT (1 MB, formato .pdf)

SOMMARIO ESECUTIVO

  • Il fondo MES nasce attraverso un trattato intergovernativo, quindi al di fuori del quadro giuridico dell’Unione Europea.
  • La modifica al trattato costitutivo del MES gli riconosce una nuova funzione, quale supporto al fondo di risoluzione unico delle banche, ma contestualmente apporta ulteriori variazioni che poco hanno a che vedere con la nuova funzione.
  • Circa la governance del Fondo, la modifica del trattato attribuisce competenze di grande rilievo al Direttore generale del Fondo stesso sino a porlo su un piano di sostanziale eguaglianza rispetto alla Commissione, in particolare per quanto concerne la valutazione della sostenibilità del debito sovrano, peraltro introdotta anch’essa contestualmente.
  • Le nuove norme per l’accesso alle linee di credito precauzionali le rendono inutilizzabili da parte di numerosi paesi tra i quali l’Italia.
  • Le clausole di azione collettiva con votazione a maggioranza singola (CACs single limbs) previste della modifica del trattato, consentono con una unica votazione la ristrutturazione di tutte le emissioni dello Stato; il MES appare così uno strumento di ordinata ristrutturazione del debito pubblico.

LEGGI ONLINE:

Dossier-23-La-riforma-del-Meccanismo-Europeo-di-Stabilità