“Troppi bianchi”. E nell’università si cacciano gli studenti “cromaticamente scorretti”La riforma del MESJapan-China relations

“Troppi bianchi”. E nell’università si cacciano gli studenti “cromaticamente scorretti”

Emanuele Mastrangelo dal blog

Leggi tutto

La riforma del MES

Convegno il 20 febbraio

Leggi tutto

Japan-China relations

Il video del convegno

Leggi tutto

Diamo idee e strategie all'Italia sovranista. Pensatoio conservatore

Iscriviti alla newsletter
Suadere atque agere
STUDIARE | ANALIZZARE | CONSIGLIARE

Chi siamo

Il Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli è un pensatoio conservatore e sovranista fondato negli ultimi mesi del 2016. La sua finalità è di favorire il raccordo tra intellettuali, tecnici e società civile da un lato, e il mondo della politica dall’altro.

Convegni

I convegni promossi dal Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli puntano a far incontrare studiosi, decisori e cittadini per discutere i temi di maggior rilievo politico e sociale. Scopri i prossimi eventi e informati su quelli passati.

Pubblicazioni

L’attività editoriale del Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli include una collana libraria (“Machiavellica”) e una serie di report digitali, i “Dossier del Machiavelli” (ISSN 2612-047X). Le pubblicazioni del Machiavelli riguardano tutti i temi d’interesse politico.

Blog

16
Dic

OCONE| Le Sardine, ultimo prodotto dell’incultura di massa

In sostanza: le Sardine sono un prodotto dell’incultura di massa e non sanno di esserlo. Facile strumento nelle mani dei vecchi e navigati volponi della sinistra intellettuale e radical chic, sabato accorsi tutti a piazza San Giovanni a dare un “supporto morale”.

Leggi tutto
13
Dic

F.FORMICOLA| Grazie, Boris!

Oggi difficilmente qualcuno o qualcosa potrà rovinare la giornata di un conservatore. Ora i sovranisti e gli identitari di tutta Europa sanno di poter contare su un alleato dentro i confini di casa. Siamo solo all’inizio, la strada è ancora lunga e piena di ostacoli, ma che soddisfazione! Grazie Boris.

Leggi tutto
13
Dic

PINTO| Cosa dice Bottoni di Orban

Stefano Bottoni, autore del saggio “Orbán (un despota in Europa)”, appena edito da Salerno editrice, ci consegna un saggio di alta divulgazione storica (merce assai rara nello Stivale) che tenta di spiegare le ragioni dell’ascesa di Viktor Orbán quale leader e simbolo di un’altra Europa.

Leggi tutto
12
Dic

MALAGUTI| Per un “Sessantotto” sovranista

Solo un’area sovranista che ritorni, in una chiave postmoderna, capace di dipingere diversi futuri, anziché imbalsamare passati, potrà stagliarsi con forza contro le narrazioni progressiste senza doversi più giustificare.

Leggi tutto
11
Dic

ABYSSUS| Idee sovraniste/1: Uguaglianza

I sovranisti ritengono che le differenze, di cultura, di religione, di costumi, di modus vivendi, siano un valore di per sé e che siano minacciate di estinzione dal globaritarismo nel quale tutto il pianeta è immerso.

Leggi tutto
10
Dic

CENCI| In Francia è assalto alle chiese

Vandalismi, furti sacrileghi, incendi: la polizia francese ha segnalato nel 2018 quasi mille episodi di questo tipo. Si tratta di una media di circa tre attacchi ogni giorno. Il numero – secondo quanto riferito dal Ministero dell’Interno – è quadruplicato rispetto al 2008.

Leggi tutto
9
Dic

SALZILLO| Immigrazione, criminalità, terrorismo: il caso Boko Haram

È decisivo lo stringente controllo dei movimenti migratori nella strategia di difesa dalle potenziali infiltrazioni jihadiste che potrebbero intraprendere la rotta africana per raggiungere l’Europa di cui noi siamo lo snodo cruciale.

Leggi tutto
6
Dic

BECCARDI| Sì Augias, la Destra è “istintiva” – ma non è un difetto

Il pensiero “di destra” coglie il senso tragico e eterno della Storia umana, mentre quello “di sinistra” si staglia sull’orizzonte utilitaristico/meccanicistico e momentaneo. A ciascuno il suo, secondo la sensibilità che gli è propria.

Leggi tutto
5
Dic

GERVASONI| Il sovranismo contro la “nuova classe” dominante

La lotta di classe è ricominciata, ma le parti in commedia non sono le più le stesse di un tempo.
A rappresentare gli operai è infatti ormai più la destra nazional-sovranista che la sinistra, il cui cuore ora batte per i “padroni”, soprattutto finanzieri e grandi banchieri.

Leggi tutto