di [molongui_byline]

(Traduzione da: Heritage Foundation)

Giovedì 31 marzo, ultimo giorno del Mese della Storia della Donna, è stato nominato (da qualsiasi oscuro organismo che si occupi di questo genere di cose) il Giorno della Visibilità Transgender. Considerando quanto le notizie siano sature di temi trans, tuttavia, la giornata appare necessaria come un Giorno della Visibilità di Will Smith la mattina dopo gli Oscar.

Lo scontro tra il governatore della Florida Ron DeSantis e la Walt Disney Co., sulla nuova legge statale relativa ai diritti dei genitori nell’educazione dei figli, ha raggiunto nuovi livelli. La Disney ha chiesto che la legge sia abrogata o che sia annullata in tribunale.

Ron “sempre all’attacco” DeSantis ha deciso di dare un’occhiata a una deroga fondiaria speciale di cui la Disney gode dal 1967. E il reporter investigativo Chris Rufo ha pubblicato il video Zoom di una riunione dei dirigenti Disney coi dipendenti dotati di più credenziali “trans”, in cui si vantano degli sforzi per spingere i temi “LGBTQIA+” nei parchi e nei film dell’azienda – destinati ai bambini.

Nel video trapelato, la produttrice esecutiva Latoya Raveneau parla del “non troppo segreto programma gay” dell’azienda che include “l’aggiunta di omosessualità” all’intrattenimento dei bambini. La presidente dell’Intrattenimento Generale Disney, Karey Burke, genitore di “un bambino transgender e un bambino pansessuale”, afferma di sperare in “molti, molti, molti personaggi LGBTQIA nelle nostre storie”.

Avviso ai procuratori generali dello Stato

Distratti da tali notizie e video, potrebbe esservi sfuggito un annuncio (correlato al tema) da parte della Casa Bianca. Essa ha intenzione di creare problemi agli Stati che proteggono i bambini da raccapriccianti interventi fondati sul mito che sarebbero “nati nel corpo sbagliato”.

Ok, questo è per dirlo senza mezzi termini. Più precisamente, il Dipartimento di Giustizia del presidente Joe Biden ha inviato una lettera a tutti i procuratori generali degli Stati federati per avvertire che, se impediscono ai minori di ricevere “cure per l’affermazione di genere”, potrebbero violare le leggi sui diritti civili.

Biden ha diffuso un messaggio video che rafforza questo punto. “Mi rivolgo ai genitori di bambini transgenere”, ha insistito, “affermare l’identità di vostro figlio è una delle cose più potenti che potete fare per tenerli al sicuro e in salute”.

È una cortina fumogena di clichés ed eufemismi. Dopo tutto, cos’è la “cura affermativa di genere”? Wesley Smith, un ricercatore senior del Discovery Institute, segnala una guida appena pubblicata dall’ Ufficio Affari della Popolazione del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. Il documento spiega cosa intenda l’amministrazione Biden:

L’affermazione del genere … consiste in una serie di servizi che possono includere servizi medici, chirurgici, di salute mentale e non medici per le persone transgenere e non binarie. Per i bambini e gli adolescenti transgenere e non binari, le prime cure per l’affermazione del genere sono cruciali per la salute e il benessere generale, in quanto consentono al bambino o all’adolescente di concentrarsi sulle transizioni sociali e possono aumentare la loro fiducia mentre si muovono nel sistema di assistenza sanitaria.

Così è vago e burocratico. Ma la guida poi precisa le cose:

  • Affermazione sociale: Adottare acconciature, abbigliamento, nome, pronomi di genere, bagni e altre strutture che rispettino il genere. Quando: A qualsiasi età o stadio. Reversibile.
  • Bloccanti della pubertà: Usare certi tipi di ormoni per mettere in pausa lo sviluppo puberale. Quando: Durante la pubertà. Reversibile.
  • Terapia ormonale: Ormoni testosterone per coloro che sono stati assegnati femmina alla nascita; ormoni estrogeni per coloro che sono stati assegnati maschio alla nascita. Quando: Dalla prima adolescenza in poi. Parzialmente reversibile.
  • Chirurgia per l’affermazione del genere: Chirurgia “superiore” per creare una forma del torace tipica dell’uomo o per migliorare i seni. Chirurgia “inferiore”: chirurgia sui genitali o sugli organi riproduttivi.
  • Femminilizzazione del viso o altre procedure. Quando: Tipicamente usato in età adulta o caso per caso nell’adolescenza. Non reversibile.
LEGGI ANCHE  Come funziona il ciclo delle notizie? Lezioni dal caso Reade
Corsia preferenziale per la sterilizzazione

Un mio conoscente lo descrive come il “percorso dalla scuola alla sterilizzazione”. Inizia con nuovi pronomi e una formazione psicosociale. Poi si passa ai farmaci e si finisce con la chirurgia. Essa può comportare la vera e propria castrazione per i ragazzi e doppie mastectomie e isterectomie per le ragazze. Ma gli ormoni intersessuali possono fare il lavoro al posto del bisturi o del coltello, dato che tali farmaci possono portare alla sterilità. “Affermare il genere” in tale contesto, quindi, è in realtà “negare il sesso”. Nessuna cortina fumogena verbale, per quanto spessa, può oscurare questo fatto brutale.

Questa negazione del sesso è così bizzarra che molti la considerano ancora comica. In realtà, è tragica: se non vengono incanalati in questo percorso, la maggior parte dei bambini che soffre di disforia di genere la supererà con la crescita. Dal 61% al 98% di questi bambini si riconcilieranno naturalmente con il loro sesso dopo aver attraversato la pubertà. In molti casi, la pubertà stessa può essere la cura per la disforia di genere.

Ma questa guarigione può essere ostacolata se un bambino subisce una transizione sociale a casa e a scuola, e gli vengono somministrati inibitori della pubertà e poi farmaci per il cambio di sesso. Più i bambini vanno avanti su questa strada, meno è probabile che tornino indietro. E maggiore è il costo per coloro che scelgono la detransizione.

Ecco perché alcuni stati hanno iniziato a prenderne atto. La migliore risposta fino ad oggi è la Legge SAFE dell’Arkansas. Impedisce ai medici di prescrivere bloccanti della pubertà o ormoni intersessuali, o di eseguire interventi chirurgici su minori per “affermare l’identità di genere”. Cioè, non permette ai medici di sterilizzare i bambini prima che abbiano raggiunto l’età del consenso.

Biden si oppone a questo. Avete letto bene. La Casa Bianca ritiene che i minori possano acconsentire alla propria sterilizzazione. E il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani di Biden sostiene che questo sia il corretto standard di cura per trattare i minori che litigano con il proprio corpo.

Cattiva scienza

Naturalmente, la Casa Bianca sostiene che il valore di questi “trattamenti” sia basato su una buona scienza. Ma ciò non è vero. Uno sguardo alle fonti del documento dell’HHS rivela una “lista di pregiudicati” di ideologi del gender. Essa include la Human Rights Campaign e l’ACLU, insieme alle agenzie già capitolate, come il National Institutes of Health’s Sexual e il Gender Minority Research Office. Il percorso di transizione di genere sostenuto da Biden si basa su un singolo e fallace studio olandese con 55 soggetti e nessun gruppo di controllo.

Non sorprende quindi che Paesi come il Regno Unito, la Svezia e la Finlandia, che erano all’avanguardia nel protocollo di transizione, stiano ora frenando. Eppure questo è il momento in cui Biden ha deciso di mettere tutto il peso del governo federale sull’acceleratore per la transizione di genere infantile.

Ora tocca agli Stati e ai genitori coraggiosi fare opposizione.

Jay W Richards

William E. Simon Senior Research Fellow presso Heritage Foundation (USA). Autore di numerosi libri e documentari, insegna alla Catholic University of America.