Nel Dossier n. 31 Giovanni Giacalone analizza la situazione dell’Afghanistan dopo il ritorno al potere dei talebani.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DOSSIER (2MB)

SOMMARIO ESECUTIVO

il nuovo vecchio afghanistan

La copertina

  • L’Afghanistan tornato in mano ai talebani è differente da quello che governavano venti anni fa: meno arretrato, con più infrastrutture e qualche chance di rapporti normali con l’estero.
  • I talebani non hanno più bisogno di al-Qaeda, come negli anni ‘90, per ricevere sostegno economico. Tuttavia potrebbero mancare tanto della volontà quanto della capacità di contenerla. Al-Qaeda potrebbe recuperare la supremazia tra i jihadisti, a scapito di ISIS.
  • Le tensioni interne all’Afghanistan sono molteplici, a partire da quelle etniche. Pure i talebani hanno fazioni interne: le più agguerrite e antagoniste sono la Rete Haqqani (vicinissima al Pakistan) e quella di Kandahar capeggiata dal figlio del mullah Omar.
  • Il Pakistan continua nel suo doppio gioco tra l’Occidente e i talebani. Vuole così contenere il separatismo pashtun e guadagnarsi un regime amico in funzione anti-indiana. Ma rischia di rimanerne travolto.
  • Per comprendere dove andrà l’Afghanistan bisogna attendere che si stabilizzi il nuovo regime talebano. I più ottimisti sperano in una sua normalizzazione ma permane il rischio di un appoggio aperto ad al-Qaeda. Più probabile ancora è un atteggiamento ambiguo.

LEGGILO ONLINE

Dossier 31 - Il nuovo vecchio Afghanistan
Giovanni Giacalone

Ricercatore del Centro Studi Politici e Strategici Machiavelli. Laureato in Sociologia (Università di Bologna), Master in “Islamic Studies” (Trinity Saint David University of Wales), specializzazione in “Terrorism and Counter-Terrorism” (International Counter-Terrorism Institute di Herzliya, Israele). È analista senior per il britannico Islamic Theology of Counter Terrorism-ITCT, l’Italian Team for Security, Terroristic Issues and Managing Emergencies (Università Cattolica di Milano) e il Kedisa-Center for International Strategic Analysis. Docente in ambito sicurezza per security manager, forze dell’ordine e corsi post-laurea, è stato coordinatore per l’Italia del progetto europeo Globsec “From criminals to terrorists and back” ed è co-fondatore di Sec-Ter- Security and Terrorism Observation and Analysis Group.

LEGGI ANCHE  Serraj da Conte e Erdogan, mentre si conferma sostegno intelligence italiana a Tripoli